PARI E RIMPIANTI: E’ 2-2 TRA ACIREALE E CITTA’ DI MESSINA

Prima parte di gara perfetta per i giallorossi che vanno a segno per due volte con Cangemi. L’Acireale accorcia a fine primo tempo e ad inizio ripresa acciuffa il pari con Campanaro.

Tra il bicchiere mezzo pieno per le prime reti in trasferta e quello mezzo vuoto per un pari che per certi versi risulta stretto, il Città di Messina archivia la trasferta del “Tupparello”. 
La compagine di Furnari mostra personalità sin dai primi minuti e passa con l’inserimento di Cangemi su assist di Cannino. Il vantaggio meritato viene aumentato al 22′ grazie ad un calcio di rigore guadagnato da Galesio e trasformato dal centrocampista palermitano. L’Acireale si sveglia nel finale di frazione e dimezza lo svantaggio con Manfrellotti per trovare il definitivo pari nelle prime battute del secondo tempo con Campanaro, bravo a sfruttare l’incertezza della retroguardia ospite. 
Il Città sfata il tabù trasferta che fino a questo momento l’aveva vista a secco di reti e ottiene un punto che da continuità di risultati. 
La fluidità nel gioco espresso nelle ultime uscite viene confermata nel pari odierno, per una squadra che gioca a memoria per larga parte del match, pagando però due reti evitabili. 
L’esame di maturità sarà quello della Turris, attesa dai giallorossi nel prossimo turno dopo la schiacciante vittoria contro il Gela.

La prima senza Cardia per il Città di Messina che nel consueto 3-5-2 schiera Paterniti tra i pali, difeso dal confermato pacchetto formato da Bellopede, Berra e Fragapane. Corsie esterne affidate a Fofana e Cannino mentre a centrocampo Calcagno viene affiancato dal ritrovato Bonamonte e Cangemi. Attacco con Di Vincenzo e Galesio.

PRIMO TEMPO

Appena tre giri d’orologio e il Città di Messina sfonda la retroguardia grananta. 
Cannino guadagna il fondo sulla sinistra, crossa e pesca il perfetto inserimento di Cangemi che di testa batte Biondi: 0-1.
L’Acireale non resta a guardare e al 12′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo di Leotta, manda Campanaro alla conclusione deviata da Cannino e salvata sulla linea da Paterniti. I locali protestano ma secondo il direttore di gara la sfera non ha oltrepassato del tutto la riga di porta.
Giallorossi in avanti al 18′ con Bonamonte che sdradica il pallone dai piedi di Savanarola e lancia Di Vincenzo ma la conclusione del classe 2000 finisce sull’esterno della rete.
E’ il preludio al raddoppio. 
Minuto 19′, scambio Fofana-Cangemi, l’ex Venezia crossa per Galesio che viene messo giù da Ianno’: calcio di rigore. Dagli 11 metri Cangemi non sbaglia e porta il Città sullo 0-2.
I granata tornano in zona Paterniti al 23′ ma su angolo dalla sinistra Gambuzza svetta di poco alto. 
Al 28′ Galesio calcia alto su servizio di Fragapane direttamente da rimessa laterale.
Il Città alla mezz’ora perde un ottimo Bonamonte per infortunio, al suo posto Quintoni.
L’Acireale si riversa in avanti e al 33′ trova la rete dell’1-2: cross di Iannò dalla destra, Paterniti scivola in uscita e Manfrellotti ringrazia deviando in rete.
Il Città di Messina non si scompone e sessanta secondi più tardi è nuovamente pericoloso con Di Vincenzo che calcia forte in area trovando la risposta di Biondi, ne Galesio ne Cangemi riescono a ribadire in rete. 
Sul corner successivo è l’estremo difensore granata a smanacciare il tentativo di Quintoni, Di Vincenzo prova ribadire in rete ma la difesa allontana. Sul ribaltamento di fronte gran chiusura di Fragapane. 
A tre minuti dalla fine del primo tempo grande combinazione Cangemi-Galesio con l’attaccante argentino che spara forte col destro trovando la bella risposta di Biondi.

SECONDO TEMPO

Il Città parte forte nella ripresa e Cannino lanciato da Calcagno impegna Biondi.
E’ solo un fuoco di paglia perchè l’Acireale al 50′ trova il pari: cross dalla destra e Campanaro di testa buca Paterniti.
I locali galvanizzati dalla rimonta sono pericolosi anche al 55′ ma la girata di Manfrellotti finisce sul fondo. 
Girandola di cambi, tra gli altri nel Città entra Nicosia che al 77′ calcia sopra la traversa dalla distanza.
A tre minuti dalla fine della gara Manfrellotti scappa sulla sinistra, pesca Savanarola in area ma la conclusione viene ben deviata da Paterniti.
Nel primo dei cinque minuti di recupero concessi dall’arbitro l’Acireale sfiora la rete dei tre punti ma sul lancio di Madonia, Manfrellotti alza la mira a tu per tu con Paterniti.

ACIREALE-CITTA’ DI MESSINA 2-2
Marcatori: 3′ e 22′ (rig.) Cangemi, 38′ Manfrellotti (A), 5′ st Campanaro (A)

Acireale: Biondi, Ianò, Talotta, Aprile, Gambuzza, Campanaro, Savanarola, Bellomonte (1′ st Manfrè), Manfrellotti, Madonia, Leotta (33′ st Tramonte). A disp.: Pappalardo, Di Pasquale, Chiochia, Russo, Lentini, Grassi, Manfrè, Sorbello. All.: Romano
Città di Messina: Paterniti, Fofana, Cannino (45′ st Crucitti), Bellopede, Berra, Fragapane, Cangemi (18′ st Princi), Calcagno, Galesio (30′ st Codagnone), Bonamonte (37′ Quintoni), Di Vincenzo (18′ st Nicocia). A disp.: Amella, Dama, Grasso, Motta. All.: Furnari
Arbitro: Crezzini di Siena
Assistenti: Marconi e Baschieri di Lucca 
Ammoniti: Cangemi (CdM), Gambuzza (A), Talotta (A), Aprile (A), Calcagno (CdM), Berra (CdM)
Espulsi: 94′ Talotta (A)

#cittàdimessina #matchday #cdmfamily

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *