CITTÀ INSAZIABILE: GALESIO E CODAGNONE ESPUGNANO LOCRI L’ARGENTINO LA SBLOCCA NEL PRIMO TEMPO, IL MESSINESE LA DECIDE A CINQUE DALLA FINE SU CALCIO DI RIGORE. ESORDIO PER IL 2002 MOTTA.

Testa, cuore e…il Presidente Maurizio Lo Re aveva descritto così il Città di Messina vincente domenica contro la Turris e, a vedere la prova odierna valsa i 3 punti di Locri, probabilmente aveva azzeccato la combinazione. 
Un Città di Messina tanto incerottato per le assenze, quanto affamato di punti e risultati colleziona la terza vittoria negli ultimi quattro incontri e sorride alla classifica che per la prima volta da inizio Campionato la vede fuori dalla zona play-out. 
Il bicchiere più che essere mezzo pieno, è stracolmo di morale per il primo successo stagionale lontano dal “Franco Scoglio” e la gara di Domenica contro l’Igea Virtus è di quelle da non sbagliare, per concentrarsi sull’ultima di andata a Castrovillari che archivierà la prima parte del torneo. 
Il Città di Messina come detto, era in piena emergenza e quale occasione migliore per lanciare nella mischia Simone Motta? Esterno classe 2002, assolutamente sufficiente nei 45′ in cui mister Furnari ha deciso di impiegarlo al Comunale. Il tecnico dell’under 17 Giuseppe Cosimini può riempirsi d’orgoglio: il ragazzo si farà. 
Come non parlare poi di Giuseppe Costa? Per il centrocampista da poco tornato in maglia CdM il tempo pare essersi fermato, o forse no, perchè Costa è un giocatore diverso dalla scorsa stagione, più consapevole dei propri mezzi e probabilmente più adatto alla Serie D che all’Eccellenza. 
Concentrandoci sul tanto boicottato attacco di casa Città, oggi la decidono Luifa Galesio, al terzo gol in Campionato ed Alessandro Codagnone, finalmente ritrovato. 
Senza dilungarci oltre, applausi scroscianti per Giuseppe Furnari, l’allenatore messinese della squadra più messinese del momento, artefice di quello che ad oggi, sembra l’ennesimo capolavoro di una carriera destinata a decollare.

PRIMO TEMPO

Squadre in campo, Città di Messina in maglia rossa con pantaloncini e calzettoni neri. Divisa interamente bianca per il Locri. 7 minuti di gioco e ancora poche emozioni: i locali provano a sfruttare il gioco sulle fasce, ma il Città di Messina si difende con ordine. Al 9′ il primo tiro in porta è di marca giallorossa con Galesio che riceve ai 30 metri e prova il tiro, ma il tentativo si perde abbondantemente alto. Ancora Città di Messina attivo cinque minuti dopo con un’azione manovrata che porta al tiro Crucitti, la cui conclusione risulta imprecisa. Poi è Princi a guidare una nuova grande azione in ripartenza, ma Pellegrino smanaccia fuori il cross in mezzo. La partita si accende, si alzano i ritmi e al 17′ il primo tentativo del Locri è firmato da Pannitteri, il cui tiro centrale è bloccato da Paterniti. Al 31′ primo cambio forzato della gara tra le fila del Locri: fuori Bruzzese per infortunio dentro l’ex Acr Messina Biancola. Passa appena un minuto e il Città di Messina passa in vantaggio: Costa recupera palla e prova il tiro dal limite, Pellegrino non trattiene e Galesio insacca di testa il terzo gol del suo campionato. Proteste dei giocatori del Locri per un presunto fallo di carica sul portiere di Galesio: l’estremo difensore resta a terra per oltre tre minuti e il gioco riparte solo al 36′ in un clima nervosissimo, tanto che l’arbitro mostra il cartellino giallo a Siano. Al 45′ si rende pericoloso il Locri, serpentina di Pannitteri sull’esterno, palla bassa in area e Paterniti blocca in mischia. Dopo tre minuti di recupero si va al riposo con il Città di Messina meritatamente in vantaggio, grazie ad una perfetta fase difensiva e alle consuete ottime ripartenze.

SECONDO TEMPO

Doppio cambio ad inizio ripresa. Per il Locri fuori Libri dentro Carbone, per il Città di Messina fuori Motta dentro Silvestri. Al 54′ gal annullato proprio al neoentrato giallorosso per dubbio fuorigioco su splendido assist di Berra. Due minuti dopo è ancora protagonista Silvestri, il cui tiro è bloccato da Pellegrino. Splende il Città di Messina in questa prima parte della ripresa e al 59′ Princi si libera sulla trequarti e serve l’accorrente Nicosia che calcia alto. Al 66′, però arriva il pareggio del Locri con De Marco che scappa sulla linea del fuorigioco e batte Paterniti in uscita. Al 73′ Furnari si gioca il secondo cambio della sua gara, mandando in campo Codagnone per Princi e passando al 4-4-2. Berra e Bellopede agiscono al centro della difesa, Bombara e Fragapane formano la catena di sinistra, mentre Crucitti e Silvestri agiscono a destra. Partita adesso molto confusa con tanti falli ed errori di passaggio da parte di entrambe le squadre. Le mosse di Furnari portano i frutti sperati e all’83’, per una serie di trattenute sugli sviluppi di un corner, l’arbitro assegna un calcio di rigore al Città di Messina e dal dischetto proprio il neoentrato Codagnone non sbaglia. Vengono concessi cinque minuti di recupero e il Locri si getta in avanti assediando la difesa ospite alla ricerca del pareggio e al 92′, su una mischia in area, la palla giunge a Caruso che tira al volo dal limite dell area, ma la palla termina a lato. Il fortino regge fino al 95′ e un eroico Città di Messina conquista tre punti fondamentali in ottica salvezza e si proietta alla sfida di domenica contro l’Igea Virtus.

Locri-Città di Messina 1-2
Marcatori:
32′ pt Galesio, 21′ st De Marco (L), 39′ st Codagnone (rig.)

Locri: Pellegrino; Isabella, Coluccio, Strumbo, Bruzzese (31′ pt Biancola); De Marco, Siano, Libri (1′ st Carbone), Pagano; Pannitteri, Caruso. A disposizione: Iemma, Costabile, Varricchio, Comito, Fania, Baccillieri, Foti. Allenatore: Umberto Scorrano.
Città di Messina: Paterniti; Bellopede, Bombara, Fragapane; Crucitti, Costa, Berra, Nicosia, Motta (1′ st Silvestri); Galesio, Princi (28′ st Codagnone). A disposizione: Amella, Dama, Grasso, Calcagno, Quintoni, Giordano, Cafarella. Allenatore Giuseppe Furnari.
Arbitro: Marco Russo di Torre Annunziata
Assistenti: Pierpaolo Vitale di Salerno ed Ernesto Dell’Isola di Sapri
Ammoniti: Strumbo (L), Siano (L), Carbone (L), Fragapane (CdM), Bombara (CdM), Coluccio (L), Bellopede (CdM), Costa (CdM)

Cronaca a cura di Ernesto Francia

#cittàdimessina #unitisinvince #cdmfamily

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *