Ruggito Città: stesa la Sancataldese

Fondamentale successo nella sfida salvezza. Galesio, Bonamonte e l’autogol di Longo garantiscono i 3 punti ai peloritani

Vittoria doveva essere e vittoria è stata.
Il Città di Messina tira un sospiro di sollievo e, dopo due mesi di buio pesto, torna alla vittoria contro la Sancataldese, tirandosi fuori dalla zona play-out.
E’ tornata la “fame”, quella che sembrava smarrita appena due settimane fa e che aveva contraddistinto il Città di Messina fino a metà Dicembre.
E’ la vittoria della Società, dello staff tecnico e della squadra, sempre coesi nel respingere gli attacchi provenienti dall’esterno quando tutto girava male e grintosi nel festeggiare al triplice fischio del “Despar”.
Gira e rigira segna sempre Galesio, ancora su rigore dopo la rete inutile di Portici e poi Bonamonte: che giocatore!
Una vittoria importante come detto per la classifica, ottenuta senza Bombara, Bellopede, Nicosia, Costa e Cangemi, cinque potenziali titolari dello scacchiere peloritano.
Furnari ha confermato Landi tra i pali con la difesa tutta “over” composta da De Lucia, Berra (provvidenziale al rientro) e Fragane. Rispolverato Silvestri sull’out mancino, a destra nel 3-5-2 c’è Fofana, mentre il centrocampo viene affidato alla geometrie ed alla classe di Calcagno, Lorefice e Bonamonte. Galesio e Di Vincenzo in attacco.

CRONACA A CURA DI ERNESTO FRANCIA

1 TEMPO
Il Città di Messina parte forte e trova subito l’episodio favorevole. Galesio scappa in contropiede e viene steso da Cossentino in area: l’argentino trasforma il calcio di rigore. Al 20′ ancora Galesio sponda di petto per Bonamonte che calcia centrale. I ritmi si abbassano ma al 40′ il Città di Messina raddoppia: punizione di Lorefice deviata dalla difesa, la palla arriva sul destro di Bonamonte che la mette all’incrocio. Dopo 4′ di recupero termina la prima frazione.

2 TEMPO
La Sancataldese si presenta in campo con tre nuovi volti ed un atteggiamento piú propositivo. All’11’ gli ospiti accorciano con Gambino abile di testa. Al 14′ miracolo di Landi sul tiro a botta sicura di Gambino. Al 25′ arriva il tris del Città di Messina: angolo di Lorefice e deviazione sfortunata di Longo. Al 40′ la Sancataldese rientra ancora in partita con Gueye che segna su punizione dai venti metri. Dopo 6′ di recupero i giallorossi conquistano la vittoria.

CITTA’ DI MESSINA-SANCATALDESE 3-2
Marcatori: 9′ (rig.) Galesio, 40′ Bonamonte, 11′ st Gambino (S), 25′ st (aut.) Longo, 40′ st Gueye (S)

Città di Messina: Landi, Fofana, Silvestri, De Lucia, Berra, Fragapane, Lorefice (26′ st Quintoni), Calcagno, Galesio (29′ st Codagnone, Bonamonte (12′ st Miotto), Di Vincenzo (20′ st Santoro). A disp.: Berikashvili, Crucitti, Cannino, Princi, Argomenti. All.: Furnari
Sancataldese: Franza, Florio, Passanante (1′ st Lucarelli), Calabrese, Cossentino, Di Stefano, Bruno, Gianrusso (1′ st Longo), Gambino, Sessa (31′ st Sicurella), Costanzo (1′ st Gueye). A disp.: Giarratana, Mosca, Lacagnina. All.: Milanesio
Arbitro: Sanzo di Agrigento
Assistenti: Bennici e Bentivegna di Agrigento

Ammoniti: Cossentino (S), Galesio (CdM), Di Stefano (S), Calabrese (S), Longo (S), Bruno (S), Fofana (CdM)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *