Città in crollo totale. Il Marsala espugna il Despar Stadium

Seconda sconfitta in tre partite sotto la guida Viola. Corsa salvezza compromessa

Solo una vittoria avrebbe ridato vita al Campionato del Città di Messina ma oggi, contro un Marsala in formato play-off, i giallorossi hanno capitolato per la quattordicesima volta in stagione.
La prova offerta dai peloritani è opaca, spenta ed improduttiva in zona realizzativa, un problema che marca sempre più il cammino della matricola del tecnico Viola.
A sei giornate dalla fine il Città di Messina inizia a fare i conti e il risultato non è di certo dei migliori: 28 i punti raccolti sin qui, alla pari della Sancataldese, a cinque lunghezze dalla salvezza diretta.
Bombara e compagni dovranno anche guardarsi dietro, perchè il Rotonda, adesso a -5, ha una gara in meno rispetto al Città di Messina, da recuperare Mercoledì 3 Aprile a Troina.
La prossima settimana la trasferta di Cittanova, contro la quarta forza del torneo, impegno non sicuramente agevole ma fondamentale per il futuro prossimo dei peloritani.

1° TEMPO

Partita viva fin dalle prime battute. Le due squadre ci provano con tentativi da fuori: al 2′ calcia Ferraú, risponde il Marsala al 18′ ed al 24′ sempre con Balistreri. Al 33′ la prima grande occasione é per gli ospiti con Candiano che da pochi passi calcia fuori malamente. È il preludio al goal che arriva dieci minuti piú tardi: Balistreri raccoglie dal limite dell’area e calcia al volo, deviazione leggere ma decisiva di Berra e la palla si insacca.

2° TEMPO

Si riparte con gli stessi ventidue e con un Cittá di Messina propositivo ma poco preciso. Al 10′ é Candiano a cercare l’eurogoal da centrocampo ma la palla finisce alta. Al 16′ l’episodio decisivo: imbeccata per Candiano ed intervento di Berra. Per l’arbitro è calcio di rigore anche se ci sono tanti dubbi per l’entita del contrasto. Dagli undici metri Manfré non sbaglia. I giallorossi provano a riaprirla subito con la girata di Codagnone ma Giappone blocca. Lo stesso estremo difensore ospite compie un miracolo al 25′ sul tiro diretto all’incrocio di Costa. Al 28′ incomprensione tra Bellopede e Paterniti, ma Balistreri deposita fuori a porta vuota. Mister Viola prova a rivoluzionare la squadra con i cambi ma succede molto poco. Si chiude il match dopo 6 minuti di recupero.

CITTA’ DI MESSINA-MARSALA 0-2
Marcatori: 43′ Balistreri, 17′ st (rig.) Manfrè

Città di Messina: Paterniti, Fofana (45′ st Cannino), Fragapane A. (13′ st Cangemi), Bellopede, Bombara, Berra, Ferraù, Costa (35′ st Princi), Galesio (13’st Codagnone), Calcagno, Di Vincenzo. A disp.: Landi, De Lucia, Quintoni, Nicosia, Santoro. All.: Viola
Marsala: Giappone, Galfano (24’st Giuffrida), Maraucci (18′ st Giardina), Fragapane M., Napolitano, Corsino, Balistreri (33′ st Benivegna) Candiano, Prezzabile (30′ st Ciancimino), Lo Nigro, Manfrè (24′ st Bonfiglio). A disp.: Compagno, Rallo, Mazzara. All.: Giannusa
Arbitro: Bozzetto di Bergamo
Assistenti: Spataro di Rossano e Sciammarella di Paola 
Ammoniti: Galesio (CdM), Calcagno (CdM), Ferraù (CdM), Corsino (M), Berra (CdM), Cangemi (CdM)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *