Codice Etico

SSD CITTA’ DI MESSINA

PREMESSA
La SSD Città di Messina è una società di calcio, che si è affermata come realtà dell’ultimo decennio e come una delle società di riferimento di Messina e provincia.
Il primo fondamentale scopo per la Società è offrire ai propri atleti un arricchimento personale sotto l’aspetto fisico e psicologico ed esperienze che formeranno parte del bagaglio dell’individuo per tutta la vita.
Questa finalità deve essere perseguita promuovendo l’etica sportiva e sapendo conciliare la dimensione dilettantistica del calcio con la sua valenza etica e sociale, mantenendo nel tempo uno stile di condotta consono alla propria tradizione nel rispetto appunto, dei propri atleti e più in generale, di tutti gli sportivi.
La SSD Città di Messina aspira, infine, a mantenere e sviluppare un rapporto di fiducia con i propri sostenitori e i collaboratori (intendendosi con tale definizione tutte le persone che a vario titolo partecipano all’attività della società), i calciatori e tutti i tesserati , cioè a tutte quelle categorie di individui, gruppi o istituzioni il cui apporto è richiesto per realizzare i propri obbiettivi sociali.

  1. GUIDA ALL’USO DEL CODICE
    1.1 Destinatari del Codice Etico
    Sono destinatari del Codice Etico, obbligati a osservare i principi in esso contenuti e sottoposti a sanzioni per violazione delle sue disposizioni: tutte le cariche societarie, gli allenatori e i collaboratori, anche occasionali della società.
    1.2 Modalità di consultazione del Codice Etico
    Il Codice sarà consegnato a tutti i soggetti interessati a cura della segreteria e sarà disponibile sul sito della società.
  2. PRINCIPI GENERALI
    Imparzialità
    2.1. Nelle decisioni e in qualsiasi attività intrapresa dalla SSD Città di Messina, evita ogni discriminazione in base all’età, al sesso,allo stato di salute, alla razza, alla nazionalità, alle opinioni politiche e alle credenze religiose dei suoi interlocutori.
    2.2. La SSD Città di Messina è contraria ad ogni forma di discriminazione sociale, di razzismo, di xenofobia e di violenza.
    Probità
    2.3 Nell’ambito della loro attività, tutti i collaboratori sono tenuti a rispettare le leggi vigenti, la normativa sportiva, il Codice Etico e i regolamenti interni. In nessun caso il perseguimento dell’interesse della SSD Città di Messina può giustificare la loro inosservanza.
    Doveri dei collaboratori
    2.4. La SSD Città di Messina si attende dai propri collaboratori, nello svolgimento delle proprie mansioni, comportamenti eticamente ineccepibili, oltre che legalmente e professionalmente corretti, atti a rinsaldare la fiducia reciproca ed a consolidare l’immagine della società.
    2.5. Si richiede, pertanto, ai collaboratori di:
    – operare con probità ed integrità nei rapporti intercorrenti fra loro,
    con la società, con le altre società e in genere con i terzi siano essi
    pubbliche Amministrazioni o soggetti privati.
    – osservare le disposizioni proprie di ciascuno degli ordinamenti in cui
    opera la società.
    – evitare conflitti di interesse con la società, e comunque comportamenti determinanti pubblicità negativa per la stessa.
    Impegno sociale

    2.6. La SSD Città di Messina è consapevole dell’importanza sociale dello sport.
    La SSD Città di Messina fa propri i valori che l’attività sportiva rappresenta (parità di opportunità, fair Play, aggregazione e socializzazione) anche al fine di incoraggiare e promuovere iniziative di solidarietà, formazione e integrazione sociale volte a esaltare la funzione educativa dello sport.
    2.7. In considerazione dei predetti valori ed in particolare della funzione di integrazione sociale che l’attività sportiva rappresenta , la SSD Città di Messina incoraggia e promuove iniziative volte ad avvicinare i giovani e i non più giovani alle manifestazioni sportive con l’obbiettivo di coinvolgerli in un momento ludico godibile.
  3. PRINCIPI SPECIFICI APPLICABILI AL SETTORE GIOVANILE
    3.1. Valore primario per La SSD Città di Messina è la promozione dei
    valori positivi nello sport giovanile, nella consapevolezza che il buon
    esempio ai giovani è la più immediata forma di educazione al rispetto
    reciproco.
    3.2. A tal fine, La SSD Città di Messina, richiede l’osservanza da parte
    di tutti i vari collaboratori , giocatori e di tutte le persone che operano
    nell’ambito del settore giovanile, dei principi, degli obblighi e dei divieti generali sopra riportati e di quelli specifici qui enunciati.
    3.3. La SSD Città di Messina fa obbligo di vigilare costantemente sui
    minorenni affidati alla società , evitando che gli stessi restino senza
    sorveglianza.
    3.4. Le relazioni con i ragazzi devono svolgersi in modo ineccepibile
    sotto il profilo della correttezza morale, la SSD Città di Messina non
    tollera nessuna forma di abuso sui ragazzi , sia esso psicologico o fisico.
    3.5. La guida e l’educazione dei giovani devono essere condotte in
    accordo con modelli che valorizzino i principi etici e umani in generale ed il fair Play nello sport in particolare.
    3.6. La SSD Città di Messina si adopera a che nell’allenamento e nelle
    competizioni sportive siano sviluppate le competenze tecniche di tipo
    motorio, uno stile competitivo sicuro e sano, il positivo concetto di se
    stessi e buoni rapporti sociali.
    3.7. Si deve evitare di restare soli in luoghi chiusi in compagnia di un
    singolo bambino o ragazzo.
    3.8. E’ severamente vietato fotografare o filmare i minori all’interno
    dello spogliatoio ed è altresì vietata la pubblicazione di filmati o foto dei minori su siti internet. Eventuali filmati e foto di manifestazioni
    devono essere autorizzati dalla Società.
    3.9. Al fine di salvaguardare la salute dei ragazzi e per vivere in completa sicurezza, solo i ragazzi e le ragazze in possesso di certificato medico di idoneità alla pratica dello sport potranno partecipare all’attività sportiva.
    Non sono consentite eccezioni neanche per allenamenti o sedute
    tecniche.
    Qualora un allenatore o un dirigente dovesse autorizzare un atleta non in possesso di regolare certificazione medica in corso di validità a
    svolgere qualsiasi tipo di attività, sarà ritenuto egli stesso responsabile civilmente e penalmente di eventuali danni alla persona.
  4. RAPPORTI GERARCHICI ALL’INTERNO DELLA SOCIETÀ
    4.1. Tutti i responsabili di specifiche attività e delle strutture organizzative devono esercitare i poteri connessi alla delega ricevuta
    con obbiettività e prudente equilibrio, rispettando la dignità della
    persona dei propri collaboratori.
    Per quanto concerne le modalità di esercizio dei poteri attribuiti si deve far espresso riferimento alle previsioni dello statuto al sistema di deleghe e attribuzioni della società.
  5. TRASPARENZA DELLA CONTABILITÀ E CONTROLLI INTERNI
    5.1. La trasparenza contabile si fonda sulla verità, accuratezza e
    completezza dell’informazione di base per le relative registrazioni
    contabili.
    5.2 Per ogni operazione è conservata agli atti un’adeguata
    documentazione di supporto dell’attività svolta in modo da consentire:
    – l’agevole registrazione contabile
    – l’individuazione dei diversi livelli di responsabilità
    – la ricostruzione accurata dell’operazione, anche a ridurre la
    probabilità di errori interpretativi.
  6. CONTROLLI INTERNI
    6.1 Per controlli interni si intendono tutti gli strumenti necessari o utili a indirizzare, gestire e verificare le attività della società con l’obbiettivo di assicurare il rispetto delle leggi e delle procedure, proteggere i beni societari, gestire efficientemente le attività.
  7. OBBLIGHI IN RELAZIONE ALL’AMMINISTRAZIONE
    7.1. Il patrimonio sociale della SSD Città di Messina è gestito in modo
    corretto e onesto e, pertanto tutti i soggetti obbligati al rispetto di questo codice concorrono a tutelarne l’integrità in modo che si realizzi
    la massima salvaguardia dello stesso a tutela degli utenti della società.
  8. LA COMUNICAZIONE
    8.1. La comunicazione, all’interno ed all’esterno della Società, deve
    essere chiara, precisa e veritiera, onde evitare la diffusione di notizie e
    informazioni erronee ovvero il determinarsi di situazioni comportanti
    responsabilità di qualsiasi natura e contenuto per la società.
    8.2. La comunicazione di informazioni al pubblico, in particolare, deve essere gestita dalle strutture organizzative espressamente preposte.
  9. USO DI INFORMAZIONI RISERVATE
    9.1. Le informazioni ed i documenti riservati, i dati personali dei
    collaboratori, dei calciatori,e degli altri tesserati, vanno custoditi e
    protetti in maniera adeguata e continua sia rispetto ai terzi che rispetto ai colleghi che agi stessi non sono direttamente interessati. I soggetti, che per ragioni di lavoro, vi hanno accesso devono, comunque, trattarli secondo le istruzioni e le procedure fissate dalla società.
  10. PROTEZIONE DEL PATRIMONIO DELLA SOCIETÀ
    10.1 Ogni collaboratore ha la responsabilità della conservazione e della protezione dei beni e degli strumenti che gli sono personalmente
    affidati per il lavoro e deve contribuire a garantire la salvaguardia
    dell’intero patrimonio societario.
    10.2 In ogni caso, gli strumenti di lavoro ed ogni altro bene , materiale o immateriale, di proprietà della stessa devono essere utilizzati esclusivamente per la realizzazione dei fini istituzionali della Società e
    con le modalità da esse fissate. Non possono essere usati dal collaboratore per scopi personali né essere da lui trasferiti o messi a
    disposizione, anche temporanea, di terzi.
  11. REGOLE DI CONDOTTA NELLO SVOLGIMENTO DELL’ATTIVITÀ SPORTIVA
    11.1 Fermi i principi di comportamento sopra indicati La SSD Città di
    Messina, tutti i suoi collaboratori, i calciatori e gli altri tesserati si
    attengono , nello svolgimento della specifica attività sportiva alla
    seguenti ulteriori regole di condotta.
    11.2 Ciascuno dei soggetti di cui al precedente punto si deve astenere
    dal compiere, con qualsiasi mezzo, atti diretti ad alterare lo
    svolgimento o il risultato delle competizioni sportive.
    11.3 Ciascuno dei soggetti di cui al punto 11.1 si astiene dall’esprimere
    pubblicamente giudizi o rilievi lesivi della reputazione di altre persone, tesserati e non.
    11.4 Annualmente la società predispone e distribuisce agli interessati
    la documentazione necessaria o utile al rispetto delle prescrizioni
    contenute nel Codice Etico.
  12. ATTUAZIONE E GARANZIE
    12.1 Eventuali provvedimenti sanzionatori per violazione al Codice
    saranno adottati dal Consiglio in coerenza con le leggi vigenti e
    saranno commisurati alla particolare violazione del Codice.
  13. SEGNALAZIONI IN CASO DI VIOLAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DEL CODICE ETICO
    13.1 I collaboratori della Società, i calciatori e gli altri tesserati hanno
    l’obbligo di informare senza indugio il Consiglio di comportamenti che
    sono stati posti in essere o che stanno per essere posti in essere in
    violazione delle norme del presente Codice da parte di persone ad esso soggette.